La storia di F.

12657339_1237232279637739_4962832379740530714_o.jpg


Potrei cominciare col dire che dall’oscura malattia, chiamata anoressia, si può veramente uscirne. Ovvio non si può ottenere tutto e subito ma sarà un percorso tortuoso, complicato, molto faticoso ma siccome a noi la volontà non manca… Basterebbe lasciarsi aiutare, accettare che sì purtroppo, si ha un problema, che credetemi da sole non si riesce a risolvere, malgrado lo si rinneghi sempre.

Troppi i meccanismi che sembrano innati e radicati, che solo persone esperte potranno pian piano allentare ed abbattere.

Non vorrei raccontare le solite cose che si leggono circa: restrizioni-ossessioni-perfezionismo-volontà-autocontrollo-giudizio-invisibilità… Ma semplicemente dirvi che dalla persona insicura; infelice; logorata; stanca; sola che ero, ho riscoperto una nuova me stessa.

Per anni ho voluto annullarmi, nascondermi attraverso la magrezza, sì perchè in questi casi il corpo diventa un linguaggio per comunicare al mondo e a chi ti circonda il tua disagio, la tua enorme sofferenza; ma anche una richiesta d’aiuto implicita.

Ora però che ho ritrovato la luce, ho acquistato più sicurezza in me stessa, riesco ad esprimere i miei pensieri senza paura del giudizio altrui; ma soprattutto ho ricominciato a sorridere, a sentirmi più serena, a vivere liberamente!!!

Quindi concludo con il dirvi che questa è sì stata una dolorosa esperienza che ha lasciato una cicatrice profonda, ma mi ha dato la possibilità di accrescere e di rafforzare il mio modo di essere. L’importante è però riconoscere di avere un problema, abbassare la guardia e lasciarsi guidare da persone esperte e io qui le ho trovate e grazie a loro posso raccontare la mia testimonianza positiva sperando sia di esempio a qualcuno che sta vivendo quello che per anni ho passato io.

F.

Annunci