Quale dieta?

11216571_1151760988184869_2746382814544235828_n

 


Quale dieta che possa rendermi bellissima, forte, serena appagata…???

Ne ho cercate tante, ne ho provate tante,…eppure tutte erano un fallimento, dopo i primi entusiasmi tutto ritornava come prima, la mia stanchezza, …il mio malumore, … la mia incapacità di trovare la forza di pensare a me stessa tra gli innumerevoli impegni del mio quotidiano.

Sognavo di essere bella, bella come un Angelo, …quasi “Eterea”, se fossi stata così, sarei stata “intoccabile”, “lontana”, “forte”, …nessuno avrebbe potuto continuare a giudicarmi, tutti sarebbero rimasti quasi “estasiati” da chi vedevano.

Io ero la buona, brava Clara, quella su cui sempre contare, quella che ha sempre un sorriso, che ti accompagna e che condivide con te le tue difficoltà, sono stata una buona figlia, una brava alunna, un’amica sincera, …mancava solo quel tocco finale a rendere tutto cosi PERFETTO, IL MIO CORPO!!!

A 14 anni ero vittima già della bulimia, non mi sono mai procurata il vomito solo perché ne ero terrorizzata, ma prendevo di nascosto lassativi o qualsiasi altra “brodaglia” che potesse aiutarmi a liberarmi di quel cibo che io consideravo ingerito in eccesso.

Poi una sera sono stata male più del solito, mi è salita la febbre, tremavo, il dolore era più intenso del solito e rannicchiata sotto le coperte tacevo terrorizzata mentre mia madre preoccupata mi chiedeva cosa mi sentissi.

Dopo quell’episodio mi sono illusa che potevo avere più controllo sul cibo, così ho iniziato poco alla volta a trattenermi col mangiare, finalmente il mio proposito di diventare “eterea” stava trovando la sua strada…, ma presto mi abituai ad alternare periodi di “restrizione” a periodi di “abbuffate compulsive”, queste ultime mi procuravano una frustrazione grandissima!

Avevo bisogno di quel corpo perfetto, per sentirmi bene, per sentirmi UNICA, per sentirmi amata, ammirata, … credo in realtà per sentirmi “solo” ACCETTATA”.
Mia madre mi aveva amato tanto quando ero piccola, poi una malattia chiamata “depressione” l’aveva allontanata dai suoi figli ed io avevo conosciuto l’indifferenza, mio padre invece non era in grado di accettare “le brutture, le Ombre della Vita” ne in se stesso, ne negli altri! E’ stato ed è un idealista, incapace di vivere la realtà, …non accettava se, non riusciva ad accettare me e i miei fratelli! Ho iniziato a plasmarmi secondo quell’ideale di figlia, di persona, di donna che avrei dovuto essere!!, per sentirmi amata, per sentirmi accettata, ho iniziato ad odiarmi per le mie debolezze, a nasconderle…, infondo ora ero io stessa a non accettarmi…

La mia lotta per lunghissimi anni è stata SOPRAVVIVERE tra quello che io volevo a tutti i costi diventare e quella che infondo ero e volevo cancellare…il mio corpo ne è stato “semplicemente” la VITTIMA SACRIFICALE.

Ho sempre creduto che la soluzione dei miei “problemi” fosse dimagrire, quel corpo magro mi avrebbe fatta sentire finalmente diversa, mi avrebbe portato via dalla Clara che ero, che vedevo, che rifiutavo.

Poi la malattia si è evoluta, nel suo percorso ha cambiato varie facce, ed io mi sono trovata Vittima di me stessa e di una malattia che si chiama Binge : “Abbuffata Compulsiva senza Atto Compensatorio”, non riuscivo più a trovare la forza di perdere in poco tempo i Kili che rimettevo su nei periodi OUT, mi ero spenta, …mi ero rassegnata.
Cercavo con dignità di essere quella Clara, pulita, onesta, sorridente, …e stancamente trascinavo quel corpo che parlava delle mie sofferenze, di ciò che non ero, dei miei fallimenti…
Ho realmente creduto che dimagrire fosse la soluzione! Ho pianto tanto, mi sono detta che non ce l’avrei mai fatta, ma in realtà non mi sono mai fermata, ho cercato chi potesse aiutarmi, ho fallito, ho lasciato e avuto parecchie delusioni, ho cambiato strada e sperato ancora…. finché un anno e mezzo fa ho conosciuto la Dott.ssa Purasanta del Centro Oliva, ricorderò credo per sempre il nostro primo incontro, avevo iniziato come sempre a “VOMITARE” in parole tutto il polpettone di sofferenze, disastri, fallimenti che avevo conosciuto nella mia Vita come donna, figlia, moglie, …finché lei mi disse quella pungente frase – Sa, ascoltandola ho l’impressione che lei non mi sta raccontando la SUA verità, …ma che abbia accettato per vera quella che in questi anni di ricerca di se stessa qualcun’altro le ha suggerito!

Mi aveva SPIAZZATA, come SI PERMETTEVA!?!….IO, allora, CHI ERO?…
E’ vero, nel corso di questi anni, mi sono aggrappata all’illusione che se io avessi capito quella “Verità” che mi aveva portato a tanta sofferenza, io sarei rinata, sarei dimagrita, …. quella Verità mi avrebbe STRAPPATO dalla malattia!!!…..

Ma quale era questa IMPORTANTE Verità?

…..NON C’E’!!!….

Ora lo so, …non c’è nessuna verità che pulisca il dolore!! ….

Il mio percorso con la Dott.ssa continua, Vi scrivo che non sono ancora del tutto “Guarita” o come lo chiamo io “Liberata”, …sicuramente mi sento lontana dalla Clara di un anno e mezzo fa, ogni tanto “inciampo” ma mi rialzo e continuo il mio “Percorso”, non ho più le Abbuffate di una volta, e ho perso del peso coi miei tempi e senza una dieta restrittiva.
Dicevo che non c’è una Verità da ricercare, sto imparando ad accettarmi e ad amarmi, mi sto STRAPPANDO dalla malattia attraverso “L’ACCETTAZIONE”!!

Il tempo sistema tutte le cose, le rimette a posto per quanto noi ci affanniamo a tenercele strette, … ho perso mia madre, ma comunque sia sono stata fortunata, perché nell’ultimo periodo ci siamo ritrovate, siamo riuscite a dirci “Ti voglio bene” prima che la morte la allontanasse definitivamente da me, mio padre invece è lontano, non ho rancore, ma non abbiamo nulla più da dirci e soprattutto da DARCI, io non sono quell’ideale di figlia, non lo sarò mai, ma ci ho provato…ora voglio scoprire chi sono…

Questo mio raccontarmi, spero sia utile a chi come me cerca una via di uscita alle sue sofferenze, spero possiate ritrovare in quello che ho scritto qualcosa di Voi, e non sentiate più soli,…ma sarò ancora più felice se una piccola “scintilla di Luce”, si sia accesa e abbia lampeggiato per qualche minuto nel buio dei mille pensieri e umori che in questo momento Vi bloccano.

Vi auguro di continuare a far risplendere sempre questa Luce e “LiberarVI”…

Un in bocca al Lupo!!

Clara

 

Annunci